L’opportunità bussa per l’Australia ai Mondiali ma non riescono ad aprire la porta

L’opportunità bussa per l’Australia ai Mondiali ma non riescono ad aprire la porta

L’opportunità bussa per l’Australia ai Mondiali ma non riescono ad aprire la porta

Comments Off on L’opportunità bussa per l’Australia ai Mondiali ma non riescono ad aprire la porta

Samara è famosa come hub per gli sforzi spaziali russi e la Danimarca iniziò con una propulsione simile a un razzo. La linea difensiva australiana è stata interrotta da Christian Eriksen e Nicolai Jørgensen, con la coppia che si è combinata con un effetto letale per l’apertura del settimo minuto di Eriksen. Ma i Socceroos tornarono in gioco – aiutati da un rigore determinato dal VAR determinato dal Mile Jedinak – e presto sembrarono la squadra migliore. Nonostante un divario di 24 squadre tra loro nelle classifiche Fifa, l’Australia ha dominato il secondo tempo e Sportingbet avrebbe dovuto assicurarsi la vittoria. “La conclusione è: abbiamo un punto e meritiamo quattro punti da questi due giochi”, ha detto il manager, Bert van Marwijk. “Avevamo possibilità di vincere e meritavamo di vincere.”

Dopo la perdita della sua squadra in Francia, Van Marwijk si è lamentato della mancanza di creatività.L’Australia ha mostrato molti miglioramenti in questo settore, con il centrocampista mercuriale Tom Rogic che gode di una delle sue migliori partite in una maglia di Socceroos nella memoria recente. “Hanno creato contro la Danimarca così tante possibilità”, ha osservato il manager. “Devo essere soddisfatto del Sportingbet modo in cui abbiamo giocato, della creazione di possibilità”.

Questa volta, è stata la conclusione che ha deluso l’Australia. “L’unica cosa che dobbiamo fare è mettere la palla in porta”, scherzò Van Marwijk. La sua squadra ha fatto 14 tentativi in ​​porta contro i 10 della Danimarca, cinque in porta per ogni squadra. Andrew Nabbout era energico ma privo di precisione, il sostituto Tomi Juric era anonimo. Tim Cahill è rimasto visibilmente incollato alla panchina, nonostante le richieste degli esperti a casa, mentre le ultime scintille di brillantezza di Daniel Arzani non potevano accendere i Socceroos.Sembra che l’opportunità sia stata bussata per l’Australia, ma non hanno aperto la porta. Facebook Twitter Pinterest Jedinak segna dal dischetto del rigore. Fotografia: Manan Vatsyayana / AFP / Getty Images

Van Marwijk è stato assunto come sostituto pragmatico e orientato ai risultati di Ange Postecoglou, che una volta ha dichiarato di non essere mai soddisfatto dei tre Sportingbet bonus punti ottenuti con il calcio a dour. Ma proprio come Postecoglou non è riuscito a navigare nei Socceroos oltre la fase a gironi in Brasile o alla Confederations Cup 2017, né sembra probabile che lo stile alternativo di Van Marwijk andrà meglio. Più le cose cambiano, più rimangono le stesse.

In effetti, le somiglianze con la campagna dello scorso anno in Russia stanno iniziando a indurre il deja vu.In entrambe le occasioni, una perdita iniziale ridotta è stata seguita da una prestazione promettente ma alla fine insufficiente, un pareggio in cui tre punti erano estremamente necessari. Se i Socceroos rimangono fedeli alla storia, brilleranno contro il Perù e una vittoria li sfuggirà di nuovo. Ma la speranza è eterna tra i 15.000 fan dell’Australia che si dice siano in Russia. Mentre i progressi verso la fase a eliminazione diretta rimangono una possibilità matematica, i fan chiassosi e intrisi di birra continueranno a cantare.Denmark 1-1 Australia: World Cup 2018 – com’è successo Leggi di più

La preferenza di Van Marwijk per la stabilità è stato sottolineato giovedì con una formazione invariata e sostituzioni identiche, nonostante il diverso contesto in cui Arzani, Juric e Jackson Irvine sono stati introdotti questa volta.Ma un infortunio alla spalla che termina la Coppa del Mondo a Nabbout e un altro povero spettacolo di Robbie Kruse costringerà la mano dell’olandese. Un trambusto delle conferenze stampa di Van Marwijk è stato il suo deciso rifiuto di impegnarsi in qualsiasi discussione di selezione o tattica. Alla domanda se tre partite in 10 giorni richiederanno ulteriori cambiamenti, non ha dato ancora nulla: “Questa squadra è in forma”.

L’Australia tornerà alla sua vicina base a Kazan, prima di volare sulle spiagge del Mar Nero di Sochi per lo scontro con il Perù martedì. Ci vorrà buona fortuna, sia allo stadio Fisht che a Mosca (dove la Francia incontra la Danimarca), affinché i Socceroos si qualifichino per il prossimo round. I tifosi australiani potrebbero lasciare la Russia molto difficile: finora due impressionanti spettacoli sono stati lasciati senza ricompensa dagli dei calcistici.Il manager danese, Åge Hareide, ha riflettuto dopo lo stallo “la Coppa del Mondo è dura”. I Socceroo sono fin troppo consapevoli.

Vito

Create Account



Log In Your Account